Sulle pendici del monte Caputo domina quelli che una volta erano gli agrumeti della Conca d’Oro. Dista da Palermo pochi chilometri ed è facilmente raggiungibile mediante i normali autobus di linea.
La città fu costruita, a partire dal monastero benedettino di cui fa parte il magnifico Duomo.
La Torre delle Carceri,si trova inserita nella fabbrica della bella Chiesa degli Agonizzanti, posta esattamente di fronte all’ingresso della Cattedrale.
Questa piccola chiesa interessanti stucchi che la decorano ed uno straordinario paramento murario medievale.
La facciata è racchiusa ai lati da torri quadrate che stringono un portico a tre arcate. L’ingresso all’aula avviene attraverso la splendida porta bronzea di Bonanno Pisano: 42 formelle che meravigliosamente raccontano l’Antico e il Nuovo Testamento.
Passando sotto il suggestivo arco che collega la chiesa al Palazzo Reale è possibile ammirare le absidi, decorate da fasce di archeggiature policrome (calcare e pietra lavica) sorrette da colonnine pensili. All’interno la chiesa ha pianta basilicale a tre navate con transetto, absidi, e tetto ligneo a capriate decorate.
Molti dettagli dell’impianto decorativo interno rivelano una chiara matrice islamica Lo straordinario paramento musivo fu realizzato da mosaicisti provenienti dall’Oriente e da Venezia.

Monreale è famosa nel mondo per la sua splendida Cattedrale.
La chiesa è l’esempio più importante dell’architettura normanna in Sicilia: al gusto nordico le maestranze arabe e bizantine affiancarono elementi classici.
Il complesso abbaziale di vaste dimensioni si sviluppa tra il giardino del Belvedere, la piazza Guglielmo e la piazza della Cattedrale.
La Torre delle Carceri,si trova inserita nella fabbrica della bella Chiesa degli Agonizzanti, posta esattamente di fronte all’ingresso della Cattedrale.
Questa piccola chiesa ha interessanti stucchi che la decorano ed uno straordinario paramento murario medievale.
La facciata è racchiusa ai lati da torri quadrate che stringono un portico a tre arcate. L’ingresso all’aula avviene attraverso la splendida porta bronzea di Bonanno Pisano: 42 formelle che meravigliosamente raccontano l’Antico e il Nuovo Testamento.
Passando sotto il suggestivo arco che collega la chiesa al Palazzo Reale è possibile ammirare le absidi, decorate da fasce di archeggiature policrome (calcare e pietra lavica) sorrette da colonnine pensili. All’interno la chiesa ha pianta basilicale a tre navate con transetto, absidi, e tetto ligneo a capriate decorate.
Molti dettagli dell’impianto decorativo interno rivelano una chiara matrice islamica Lo straordinario paramento musivo fu realizzato da mosaicisti provenienti dall’Oriente e da Venezia
I mosaici d’oro delle navate, raccontano per immagini le storie del Vecchio Testamento e la Vita di Cristo.
Nel catino absidale troneggia la figura del Pantocratore.
La città divenne importante con Guglielmo II, il normanno che costruì nel 1174 la Cattedrale di Santa Maria La Nuova e l’annesso monastero.
La leggenda vuole che la chiesa sia stata edificata dal re per esaudire il voto alla Madonna per uno scampato pericolo;
La fondamentale funzione difensiva oltre che religiosa è sottolineata dal fatto che l’abbazia fu dotata subito dal re di un immenso patrimonio di beni e terreni.

Monreale